Il tedesco

Numero di madrelingua:110 milioni
Parlato principalmente in: Germania, Austria, Svizzera

Tradurre in tedesco è molto importante al fine di mostrare i nostri prodotti e servizi ad un popolo che che da oltre un secolo visita l’Italia e da qualche anno lo visita anche nel senso digitale del termine. Alcuni settori del web come turismo, alimentare /enologico, made in italy fanno registrare sul web un gran numero di ricerche mensili provenienti principalmente dalla Germania. Sebbene i tedeschi sappiano molto bene l’inglese, una traduzione in tedesco sarà molto apprezzata e vi farà guadagnare (almeno) la loro simpatia.
Invece tradurre dal tedesco è spesso necessario per conoscere e far conoscere prodotti di cui la Germania è leader (tecnologia, automobile, manifatturiero).

Conosciamo meglio nelle prossime righe questa lingua dei nostri vicini, apparentemente così dura: sebbene non detiene il primato per la parola più lunga al mondo, la lingua tedesca è piena di sostantivi composti che in altre lingue verrebbero tradotti da almeno 2 o 3 parole. Queste parole, proprio perché sostantivi, cominciano con la lettera maiuscola (attenzione nel tradurre in altre lingue a non mantenerla). Perché in tedesco esiste questo uso della maiuscola? La risposta risale ad oltre 500 anni fa, quando Martin Lutero cominciò la traduzione della Bibbia in tedesco e assunse che ogni nome comune andava scritto con la lettera maiuscola in quanto creazione divina. La lingua tedesca è inoltre una lingua estremamente logica, nel senso che una frase non può essere costruita diversamente dall’ordine (soggetto, oggetto, verbo o dei complementi) previsto dalla grammatica a seconda dei tipi di frase affermativa, interrogativa, secondaria, etc.).
Infine il tedesco ha delle parole che esprimono concetti che mostrano come questa lingua così dura alle nostre orecchie abbia in realtà un’anima filosofica e maestra di vita. Vi sarà sicuramente capitato che solo una volta terminata una discussione vi venga in mente la frase giusta da dire…i tedeschi chiamano questa situazione Trappenwitz, letteralmente “scherzo delle scale”, alludendo al momento del rientro a casa. Invece, quante volte ci siamo sentiti in imbarazzo per qualcuno?! In tedesco potremmo tradurre questo stato d’animo con la parola Frendschämen, letteralmente “provare vergogna” ed “estraneo”. Se volete curiosare tra le altre parole tedesche intraducibili seguite questo link.